Eiaculazione precoce

Eiaculazione precoce


Non esiste un criterio preciso, né sintomi precisi, per definire quand’è che si possa parlare di vera e propria eiaculazione precoce, perché non esiste un tempo stabilito a priori che un uomo dovrebbe “durare”. In ogni caso si può dire che è certamente eiaculatore precoce colui che ha l’eiaculazione dopo una manciata di spinte coitali (5-10) o addirittura prima ancora di introdurre il pene in vagina.

Questo disturbo è caratterizzato da “una persistente e ricorrente insorgenza di orgasmo ed eiaculazione a seguito di una minima stimolazione sessuale prima, durante o subito dopo la penetrazione e prima che il soggetto lo desideri” (DSM IV American Psychiatric Association).
In genere si tratta di soggetti con un’immaginazione molto intensa, che anticipa vivacemente la realtà, la precede e in qualche modo la sostituisce. L’eccitazione è legata più al vissuto immaginativo che non all’esperienza concreta che il soggetto sta vivendo.
Contemporaneamente il soggetto sperimenta la sensazione di non riuscire a contenere tale eccitazione, di esserne travolto e quindi mette in atto strategie di evitamento.
Il circolo vizioso parte proprio in questo momenti in cui la persona inibisce il proprio sentire durante il rapporto e instaura una sorta di automatismo che esclude ogni tipo di controllo volontario sull’innesco del riflesso orgasmico.

Obiettivi della terapia:
- in primo luogo sull’addestramento a concentrarsi sulle sensazioni corporee e avvertirle invece di evitarle;
- in secondo luogo sulla risoluzione dei circoli viziosi, soprattutto relazionali, che possono aggravare il problema;
- acquisire il controllo eiaculatorio abituandosi ad una percezione più attenta del piacere sessuale;
- aumentare la propria autostima e soddisfazione riconquistando una buona vita sessuale.

Mentre invece saranno Obiettivi Tattici per il raggiungimento dei precedenti:
- accorgersi quando il piacere sessuale sta arrivando al culmine masturbandosi da solo e poi facendosi masturbare dalla partner;
- sconfiggere l’idea che esista una durata fissa dell’erezione attraverso la lettura di testi e il dialogo con altri uomini;
- riuscire a portare la partner riluttante in terapia parlandole di quanto il problema sia grave per lei;
- scoprire che può far godere la partner in molti altri modi che non siano la penetrazione prolungata, al fine di demitizzare l’importanza e diminuire l’ansia di prestazione.

Non si può esattamente stabilire quando si tratta di eiaculazione precoce,ma se questa avviene troppo presto possiamo iniziare la giusta terapia per risolvere il problema.

Fissa un appuntamento


Il mio compito in questa fase è accogliere la persona con il suo marasma emotivo, cercando di metterla a proprio agio, creando intorno a lei un clima di serenità e accettazione per i propri vissuti e per le proprie emozioni.

Fissa un appuntamento

Per prenotare un appuntamento è sufficiente chiamare al numero 347/3341743 e richiedere un colloquio psicologico clinico con me, oppure compila questo modulo di seguito per avete le informazioni di cui hai bisogno.